This post is also available in: enEnglish

Un lavoro che da tempo avevo voglia di realizzare, un elopement fuori dall’ordinario, in un luogo fuori dal tempo e da atmosfere quasi fiabesche, mi è stata data l’occasione grazie alla collaborazione con un caro amico e collega Giuseppe Di Natale, sul suo blog trovate altre immagini dell’elopement professionalimage.it. Quando sono arrivato sul posto stentavo a crederci, era tutto perfetto, un set creato ad arte dalla natura stessa, dove luce e spazio convivevano con un’armonia quasi imbarazzante, in pratica un luogo ideale per un fotografo. Ho conosciuto Alessandra e Ahmed il giorno stesso del loro matrimonio, due ragazzi fantastici, lei una ballerina, lui un dj, mi hanno raccontato che il sogno di Ahmed era quello di sentire i profumi e farsi accarezzare dalle atmosfere che avevano vissuto i suoi nonni nel giorno piu bello della loro vita, il loro matrimonio. Anche loro si sono sposati in mezzo ai boschi, il nonno di Ahmed era un falegname, il quale insieme alla moglie ha lavorato e vissuto gran parte della sua vita in mezzo ai boschi, in un luogo incontaminato, lontano dalla frenesia di una città. Ahmed desiderava da tempo far conoscere quelle sensazioni e quei luoghi magici anche alla sua Alessandra e pronunciare, proprio lì, insieme a lei quel “si”. Per il matrimonio la scelta degli abiti è ricaduta su l’utilizzo di indumenti semplici e di uso quasi quotidiano, anche in questo hanno voluto mantenere una stretta correlazione con il luogo. Alessandra e Ahmed si sono sposati in presenza di due amici molto cari a loro, la celebrazione si è svolta nella parte adibita alla segheria, nel bel mezzo di vecchi macchinari utilizzati un tempo per tagliare il legno, il contrasto delle ruggine sugli ingranaggi e l’odore della legna tagliata facevano da padroni. Il rito è stato celebrato da un abitante del luogo, anch’esso falegname. Alla fine della celebrazione Ahmed e Alessandra, insieme ai loro amici, hanno preferito festeggiare in una taverna del luogo, con birra e prodotti di quella terra, ritrovandosi ed immergendosi, oltre che nelle atmosfere, anche nei sapori tipici del posto.

Elopement_002Elopement_003Elopement_004Elopement_006Elopement_007Elopement_008Elopement_009Elopement_010Elopement_011Elopement_012Elopement_013Elopement_014Elopement_015Elopement_016Elopement_017Elopement_018Elopement_019Elopement_020Elopement_021Elopement_022Elopement_023Elopement_024Elopement_025Elopement_026Elopement_027Elopement_028Elopement_029Elopement_030Elopement_031Elopement_032Elopement_033Elopement_034Elopement_035Elopement_036Elopement_037Elopement_038Elopement_039Elopement_040Elopement_041Elopement_042Elopement_043Elopement_044Elopement_045Elopement_046Elopement_047Elopement_048Elopement_049Elopement_050Elopement_051Elopement_052Elopement_053Elopement_054Elopement_055Elopement_056Elopement_057Elopement_058Elopement_059Elopement_060Elopement_061Elopement_062Elopement_063Elopement_064Elopement_065Elopement_066Elopement_067Elopement_068Elopement_069Elopement_070Elopement_071Elopement_072Elopement_073Elopement_074Elopement_075Elopement_076Elopement_077Elopement_078Elopement_079Elopement_080Elopement_081Elopement_082Elopement_083Elopement_084Elopement_085Elopement_086Elopement_087Elopement_088Elopement_089Elopement_090Elopement_091Elopement_092Elopement_093Elopement_094Elopement_095Elopement_096Elopement_097Elopement_098Elopement_099Elopement_100Elopement_101Elopement_102Elopement_103Elopement_104Elopement_105Elopement_106Elopement_107Elopement_108Elopement_109Elopement_110